Biografia

Tratto da Wikipedia; presto una biografia scritta da Kamelot Italia

Kamelot sono un gruppo musicale power metal statunitense, fondato nel 1991 a Tampa, in Florida, da Thomas Youngblood e Richard Warner. Tre membri della band sono statunitensi, mentre il cantante è norvegese e il tastierista, l’ultimo entrato nel gruppo, è tedesco. Il loro stile mescola il power metal e progressive metal con influenze symphonic metal[2] e, negli ultimi album, elementi di musica elettronica.

Fino al 2010, i Kamelot hanno registrato nove album in studio, due live, un DVD, sette video e una riedizione del disco Ghost Opera con un nuovo disco contenente un live e quattro tracce bonus. L’ultimo album pubblicato è Poetry for the Poisoned.

Nel 1994 la band firmò un contratto con Noise Records, e nel 1995 uscì il loro album di debutto Eternity. Il secondo album, Dominion seguì due anni dopo.

Il 1997 vide l’uscita di scena di due membri della band: il batterista e fondatore Richard Warner ed il cantante Mark Vanderbilt. Furono così sostituiti con Casey Grillo e Roy Khan provenienti dalla band Conception. Coi due nuovi membri, i Kamelot pubblicarono il loro terzo albumSiége Perilous che non si dimostrò un grandissimo album. La nuova formazione intraprese anche un tour europeo nell’autunno dello stesso anno per tornare poi al Gate Studio a Wolfsburg e produrre il quarto album The Fourth Legacy e da qui comincia la scalata verso il successo della band.

Nell’estate del 2000 la band fece nuovamente un tour, New Allegiance Tour, inGermaniaAustriaSvizzeraOlandaBelgioItaliaSpagna e Grecia. Durante questo tour registrarono il loro primo album live: The Expedition. Dopo pochi mesi uscirono con il quinto album intitolato Karma, che ebbe un notevole successo di pubblico e critica. Il sesto album Epica uscì nel 2003. Sia Epica che il successivo album, The Black Halo, uscito nel 2005, si basano sul Faust diGoethe, capolavoro della letteratura tedesca, in cui il protagonista, Faust, vende la sua anima al diavolo.

Nel 2005 hanno fatto i loro primi video musicali per le canzoni The Haunting (Somewhere in Time) (con la partecipazione di Simone Simons degli Epica) e March of Mephisto (con la partecipazione di Shagrath dei Dimmu Borgir), entrambe tratte da The Black Halo. Il regista dei video è Patric Ullaeus. Il 5 ottobre 2005 al gruppo si è aggiunto il tedesco Oliver Palotai come tastierista e chitarrista di supporto.

Nel 2006 hanno registrato in Norvegia il loro secondo disco live One Cold Winter’s Night con tutte le migliori canzoni della loro carriera. Nessun brano è stato tratto dai primi 3 album.

Nel 2007 esce Ghost Opera. Viene pubblicato un video del brano Ghost Opera e dopo anche il video di Human Stain.

Nel 2008 esce Ghost Opera – The Second Coming, doppio disco, il primo contenente Ghost Opera con contenuti extra, il secondo contenente un concerto dal vivo registrato a Belgrado e alcune canzoni registrate in studio non inserite nel precedente album.

Nel settembre 2010 esce Poetry for the Poisoned, nono disco in studio, con la partecipazione – tra gli altri – di Simone Simons degli Epica, Björn “Speed” Strid dei Soilwork e del chitarrista Gus G.. Questo è il primo album a non avere più Glenn Barry al basso, ma al suo posto il primo bassista dei Kamelot, Sean Tibbetts, riunitosi alla band.

Nell’aprile 2011, dopo un lungo periodo di pausa per problemi personali, durante il quale era stato sostituito da Fabio Lione durante i live, Roy Khan lascia la band, come comunicato dai restanti membri del gruppo:[3][4]

“Con grande dispiacere annunciamo che Roy Khan ha deciso di lasciare la band. Volevamo dargli molto tempo per riflettere su questa decisione, per via del suo recente esaurimento e per tutti i bellissimi momenti che abbiamo passato assieme nei KAMELOT. Accettiamo con rispetto le sue dimissioni dalla band e gli auguriamo tutto il meglio per i suoi futuri impegni. Le incertezze che i fan avevano ora non ci sono più e la band può cercare un nuovo cantante”.

Tuttavia Lione, cantante dei “Rhapsody Of Fire” (noto gruppo epic metal italiano), non sarà scelto come cantante ufficiale dei Kamelot, dopo l’abbandono di Roy Khan. A fine giugno del 2012 infatti la band annuncia il nome del loro nuovo vocalist: Tommy Karevik, già cantante del gruppo progressive metal Seventh Wonder.

Annunci